lunedì 15 settembre 2008

Il 62% degli italiani è favorevole al nucleare...

Ma io non ne conosco nessuno.
Alla luce poi degli ultimi disastri in belgio e in francia, dell'aumento del prezzo dell'uranio, che comunque entro una quarantina d'anni finirà. Tralasciando tutte gli studi sul costo energetico del nucleare, costo in termini di salute, vite umane, rischi ecc. ecc. che sono ormai noti ai più e che sconsigliano l'investimento nel nucleare a favore di energie pulite e rinnovabili, ne ho già parlato anche in passato. Considerato che per costruire le centrali in italia, se per il ponte di calatrava a venezia ci son voluti dieci anni e senza predisposizione per i disabili, ce ne vorranno almeno 20 (qui credo che le predisposizioni per i disabili non siano previste) restano circa 20 anni di vita. Invece il sole, se non si spegnerà come in starblazer (la corazzata yamato), dovrebbe durare giusto qualche secolo in più: perchè non sfruttare quello?
su ecoblog stamattina leggo un articolo dell'11 settembre: Nucleare pubblicata la legge 133/08 che ne autorizza il ritorno
No, non ci sto. Se viene fatto un referendum contro il nucleare, mi aspetto che ne venga fatto uno anche per la reintroduzione del nucleare, non che venga deciso dal governo.
Non siamo in democrazia???? mi vengono dei dubbi.
Tanto se il 62% delle persone è favorevole, non dovrebbero esserci problemi.
Cercando in internet poi ho trovato un altro bell'articoletto che dice: BRUXELLES il nucleare bocciato dalla commissione europea industria
Quindi anche l'europa boccia il nostro governo.
Che io mi senta più in linea con l'europa piuttosto che con l'italia significa che sono globalizzato o che abbiamo un governo terribile?
Date il vostro voto

2 commenti:

soledimattino ha detto...

neanche io ne conosco nessuno

IO ha detto...

i sondaggi mentono.